politicamenteincazzati

Forum di Cultura Generale
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi    

Condividere | 
 

 Ieri immaginari, oggi reali.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cafonal
Admin
avatar


MessaggioTitolo: Ieri immaginari, oggi reali.   Lun Mar 30, 2009 9:08 pm







Abatantuono, nato a Milano il 19 Maggio 1955, spiega come i mostri immaginati negli anni '60-'70 siano diventati reali nel 2000. «E più mostro di tutti è chi, magari involontariamente, aggrava situazioni difficili, come le malattie sessualmente trasmissibili». Vi viene in mente qualcuno?


di Sara Gambèro

È così mostruosa la realtà oggi?
Oggi ci sono tante mostruosità, eccome, non è stato difficile attingere dalla realtà. Per noi i mostri son quelli che vediamo in giro tutti i giorni.

Ma chi è davvero mostruoso oggi in Italia?
Ora me la rischio e ti dico che il più mostruoso di tutti è chi fa più danno su situazioni già difficili, come per esempio le malattie gravi. In questi giorni ci sono state delle dichiarazioni di persone che hanno messo a repentaglio anni di lavoro sulla sicurezza per combattere malattie che si trasmettono per via sessuale. E non aggiungo altro, non faccio nomi. Però certo, forse anche involontariamente il danno è stato enorme.

Quale episodio hai trovato più rappresentativo nel film?
Sono tutti terribili, alcune mostruosità sono caratteriali, altre involontarie. Il mio prete che prima manda via il lavavetri, poi dà un santino al posto della carità al barbone e alla fine per salvare uno che pensa si stia buttando da un ponte non fa soccorrere un vero suicida, è involontario ma combina lo stesso un bel casino. Mentre quello che stipa gli extracomunitari in un bunker, spacciandolo loro come un appartamento da affittare, ricorda un po' l’evoluzione del personaggio di Eccezzziunale che era il primo leghista della storia. Ti ricordi, quello che diceva: "Sono milanese al 120%". E peccato che la legge Berlusconi sull'ampliamento della casa sia uscita dopo sennò un bell’episodio sul 20% che puoi depredare al tuo vicino ci sarebbe stato a pennello. Anche perché uno che ha quattro vicini potrebbe arrivare all’80% e da un monolocale fare un alberghetto, non male, eh?

E tra i tuoi personaggi chi è più mostruoso?
Anche lì ci sono diverse sfumature. Nell’episodio del professore gay non c’è niente di mostruoso se non la gelosia patologica verso l’oggetto del suo amore. Mentre nell'episodio del funerale sono una persona terribile, che da famoso si fa pagare per presenziare alle esequie di sconosciuti. È una cosa realistica, che succede, forse non ai più famosi ma capita. Un’altra cosa mostruosa dell'episodio è quando dico al mio ex amico Bisio che è stato più fortunato lui che è rimasto nell’anonimato. Cosa che ho visto fare a tanti famosi e ricchi, quella di dire agli altri: «Guarda che fortuna hai tu che non lavori, che sei più libero, puoi recitare in teatrini off...».

Pensi ci sia differenza tra i mostri di ieri e quelli di oggi?
Certo, quelli di ieri erano immaginari. I registi e gli autori avevano solo pensato come potesse diventare mostruosa la gente e ci hanno talmente azzeccato che i mostri di oggi, che invece sono realissimi, sono la naturale evoluzione di quelli inventati in quegli anni.
Tornando al film, avresti desiderato interpretare qualcuno degli altri personaggi?
Ci siamo distribuiti i ruoli a seconda delle caratteristiche: non invidio gli altri, ma li avrei fatti volentieri . In realtà volevo farli tutti io, poi mi sono detto: "Facciamo lavorare anche gli altri ragazzi, va"...

Cosa ne pensi della polemica sollevata da Gianmarco Tognazzi, sul fatto che spettava a loro (lui e Alessandro Gassman) in quanto figli d'arte, di fare il seguito de I Mostri?
Guarda, sono cento anni che c’è il cinema, cento anni che si fanno remake. Questo significa semplicemente che i film belli rimangono nell'immaginario del pubblico, che chiede che vengano rifatti. Succede per i film sui vampiri, o su Tarzan. Io sarei contento se fossi replicato un mio film, come tra l’altro è già successo. Certo, se fosse vero quel che dice Gianmarco, solo mio figlio potrebbe fare il remake di Mediterraneo o Marrakesch. Invece la cosa bella è che quando si fa il remake di un film è perché quel film è talmente piaciuto che c’è un desiderio, una richiesta in merito. Io ho fatto Eccezzziunale 2 perché me lo chiedevano, stessa cosa per Regalo di Natale 2. Credo sia un vanto e un onore per gli originale quando c’è un seguito.

Quanti mostri ci sono nel tuo ambiente, il mondo del cinema?
Tanti, ma non più di altri ambienti. Credo non ci siano grandi differenze. I mostri sono in tutte le regioni, in tutti i Paesi, in ogni situazione: in alcune di più, in altre meno. Diciamo che nel nostro ambiente siamo nella media...

Avete coinvolto in qualche modo Monicelli e Scola, grandi maestri, padri della commedia all’italiana e registi dell’altro capitolo dei mostri?
Non lo so, ma penso di sì. Gli sceneggiatori sono in buoni rapporti con loro (una è addirittura la figlia). I diritti del film sono in mano ai produttori, non ai parenti degli attori che lo hanno fatto, tornando alla polemica di prima, e in questo caso sono gli stessi di allora. Quindi credo che glielo abbiano fatto vedere. Spero, perché Monicelli è un mio amico, oltrechè un fenomeno. È stato uno dei più grandi registi del mondo, quindi me lo auguro con tutto il cuore.
Tornare in alto Andare in basso
 
Ieri immaginari, oggi reali.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ieri e oggi
» Medjugorje e la fine del mondo
» Oggi al posto al sole
» ieri ho visto la mia ragazza sorridere....
» Oggi il mio piccolo compie 3 mesi

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
politicamenteincazzati :: La tua prima categoria :: Il tuo primo forum-
Andare verso: