politicamenteincazzati

Forum di Cultura Generale
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi    

Condividere | 
 

 Gheddafi è a Roma, sale la protesta. «Sono qui perché l'Italia si è scusata»

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Giorgino

avatar


MessaggioTitolo: Gheddafi è a Roma, sale la protesta. «Sono qui perché l'Italia si è scusata»   Mer Giu 10, 2009 4:37 pm




ROMA - «L'Italia di oggi non è più l'Italia di ieri. Con l'Italia di oggi c'è pace, collaborazione e amicizia». Le dichiarazioni di fratellanza si sprecano nella prima visita ufficiale in Italia di Muammar Gheddafi. Il leader libico è stato accolto a Ciampino da Silvio Berlusconi (che in un primo tempo aveva dato forfait causa torcicollo) e dal picchetto d'onore. Sulla pista dello scalo militare, blindato per l'occasione, i due si sono scambiati un caloroso abbraccio. Gheddafi è accompagnato da una folta delegazione, comprese le "amazzoni", la celebre guardia del corpo tutta al femminile con baschi rossi e divise militari. Occhiali neri, cappello e alta uniforme, il colonnello non passa inosservato. In particolare le attenzioni (e le polemiche) si sono concentrate su una foto appuntata sulla divisa: ritrae un eroe della resistenza libica contro gli italiani, Omar Al Muktar, noto come il "leone del deserto". Non solo: l'ultimo discendente di Al Muktar, ormai ottantenne, è sbucato dall'aereo subito dopo il leader libico.

«PAROLE RESPONSABILI» - Anche Napolitano ha sottolineato che la visita di Gheddafi può «contribuire a dare il via a una nuova fase di relazioni fra i due Paesi»: «Sulle questioni africane ho ascoltato da Gheddafi parole di grande moderazione e responsabilità - ha detto -. Occorre uno sforzo congiunto Italia-Libia in particolare per la Somalia. L'obiettivo di rendere il Mediterraneo un'area di pace, stabilità e benessere è altrettanto condiviso» ha concluso, facendo esplicito riferimento alla necessità di «riconoscere le ragioni palestinesi e israeliane secondo la formula di due popoli, due Stati». Il colonnello ha annunciato che presenterà all'assemblea generale dell'Onu una bozza di accordo per cercare di risolvere il problema della pirateria al largo delle coste somale, causata, ha spiegato, dalla «lacerazione dello Stato». Parlando dell'Unione Africana, di cui è il presidente di turno, Gheddafi ha detto che «non c'è posto per gli unici Stati singoli. Quelli che tengono oggi agli Stati nazionali remano contro corrente, quelli che hanno una visione unitaria vinceranno». Nel pomeriggio avrà un colloquio con Berlusconi a Palazzo Chigi, poi a Villa Madama ci sarà la firma degli accordi tra i due governi e la conferenza stampa congiunta. Venerdì parlerà della condizione delle donne africane all'Auditorium di Roma, davanti a una platea di mille donne italiane della politica, delle istituzioni, dell'imprenditoria.

L'OPPOSIZIONE PROTESTA - Giovedì Gheddafi è atteso in Senato per un intervento e dall'opposizione si levano proteste. I senatori idv, radicali e pd hanno sollecitato una nuova Conferenza dei capigruppo per rivedere la decisione di aprire l'Aula al leader libico. Il Pd invita i propri senatori a disertare la seduta. I radicali Marco Perduca e Donatella Poretti hanno cominciato uno sciopero della fame, fino a quando la presidenza del Senato non riconvocherà la conferenza dei capigruppo. Per Stefano Pedica (Idv) è «una vergogna far parlare al Senato una persona che nel suo Paese non rispetta i diritti umani». Pedica ha minacciato di opporsi fisicamente al suo ingresso nell'Aula. La senatrice del Pd Anna Maria Carloni ha ricordato i precedenti interventi in Aula del re di Spagna Juan Carlos e dell'allora segretario dell'Onu Kofi Annan, «figure prestigiose, non contestate e sempre garanti dei diritti umani». Il Dalai Lama, aggiunge, non intervenne in Aula bensì a Palazzo Giustiniani. Protesta anche l'Udc con il presidente dei senatori Gianpiero D'Alia: «Scelta inopportuna che non condividiamo».


Tanti Saluti. Giorgio
Tornare in alto Andare in basso
CHRI'S

avatar


MessaggioTitolo: Re: Gheddafi è a Roma, sale la protesta. «Sono qui perché l'Italia si è scusata»   Gio Giu 11, 2009 3:54 pm

CI SIAMO VENDUTI A LA ROMANIA E QUINDI PER QUALE MOTIVO GHEDDAFI DOVREBBE STARE A GUARDARE ? IL NOSTRO PAESE, DA ANNI IN SVENDITA, CHINA SEMRE IL CAPO, E SE GHEDDAFI CI VEDE COME UNA "MAREA DI IMBECILLI ITALIANI CHE STANNO MUTI A TUTTO"...CHE DIRE....PRENDE SOLDI E TORNA A CASA PIU' RICCO DI PRIMA.
Tornare in alto Andare in basso
 
Gheddafi è a Roma, sale la protesta. «Sono qui perché l'Italia si è scusata»
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» siti che vendono gel marchiati nded
» perche siete atei??
» ma secondo voi cosa significa se mi si è allungato il ciclo?
» aiuto....follicolo che non cresce in vista del transfer !!!
» Perchè L'Italia è il paese più corrotto d'Europa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
politicamenteincazzati :: La tua prima categoria :: Il tuo primo forum-
Andare verso: