politicamenteincazzati

Forum di Cultura Generale
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi    

Condividere | 
 

 FALLIMENTO DEL G8

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cafonal
Admin
avatar


MessaggioTitolo: FALLIMENTO DEL G8   Gio Lug 16, 2009 3:02 pm








Nel 2050 i leader che si sono incontrati per il vertice del G8 e G14 a L’Aquila, non ci saranno più per una questione puramente anagrafica. Nel G8 di Genova del 2001, tristemente noto per altre vicende, i grandi della Terra si erano messi d’accordo per ridurre le emissioni di anidride carbonica in atmosfera entro il 2020. In questo vertice hanno spostato la data al 2050, ma Cina e India hanno detto no. Le vecchie potenze – hanno affermato – hanno prosperato ed inquinato per cinquantanni senza regole che rispettassero l’ambiente, quindi l’impegno alla riduzione dell’anidride carbonica non è una questione che ci riguarda. Non fa una piega. E’ un problema di costi. Modificare le industrie, ricercare e sviluppare forme alternative di energia ha un prezzo che l’India, ma soprattutto la Cina, non sono disposte a pagare.

Anche per il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon sono insufficienti i traguardi che i paesi del G8 hanno concordato sul clima e, la partenza del leader cinese Hu Jintao, la dice lunga sull’interesse della Cina per questo summit.

Insomma è stato un evento per spendere un pò di soldi pubblici in beffa a quanti soffrono e hanno perso il lavoro, completamente inutile. Per quello che il vertice ha prodotto, si sarebbe raggiungo lo stesso risultato se i leaders e i loro consiglieri, si fossero dati appuntamento in video conferenza o via internet con una webcam.

Quello che è emerso, pesante come un macigno, è il persistente stato di crisi dell’economia mondiale confermato anche da autorevoli membri di governi stranieri, come il ministro dell’economia francese Dominque Troscan, che a L’Aquila ha espresso la sua preoccupazione per la perdita di posti di lavori in Europa che, continuerà, anche per tutto il 2010 e 2011, nonostante i timidi segnali di ripresa che ci potranno essere nell’area Euro alla fine del prossimo anno.

I G8 rimane quindi un evento per sfoggiare la vanità di questo o quell’altro leader che cerca sempre di battere in termini di organizzazione, o Stato che nell’edizione precedente si era impegnato per la sua organizzazione. Se poi metti che ad organizzarlo c’è un primo ministro che è uno showman, il cerchio si chiude. Tutti hanno fatto i complimenti a Berlusconi per l’organizzazione dell’evento e di sicuro non poteva essere altrimenti. E io pago – diceva Totò!

Riassume molto bene quello che ha prodotto il vertice a L’Aquila il consigliere diplomatico di Berlusconi Valentino Valentiti, che in maniera molto elegante e forbita ci dice che il vertice non ha prodotto niente, ma ricorda che le nuove tecnologie rappresentano una fonte di ricchezza e sviluppo per tutti, anche se in Italia invece Berlusconi sceglie di tornare al nucleare.
Tornare in alto Andare in basso
 
FALLIMENTO DEL G8
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» oggi 8pt e già vedo il fallimento
» fallimento embriodonazione
» 10 pt.... avrei dovuto aspettare
» E ora dove vado?
» Il mio anomalo post-transfer

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
politicamenteincazzati :: La tua prima categoria :: Il tuo primo forum-
Andare verso: